Quodo journal

I primi passi verso la sostenibilitĂ 

Articoli
3 min.

Cosa significa nel concreto essere un’azienda sostenibile? Come abbiamo già visto, il rischio di greenwashing è sempre dietro l’angolo. La tentazione di ridurre il fenomeno a una mera “spolveratina di verde” ad uso e consumo del marketing è purtroppo ancora molto diffusa.

Ad oggi l’attenzione globale si è fatta molto più esigente e precisa nell’analizzare le performance delle aziende, costringendole di fatto a una vera e propria rivoluzione all’insegna dei principi ESG (Environmental, Social, Governance). C’è chi accoglie tale cambiamento abbracciandolo e chi, meno entusiasticamente, si vede “forzato” a farlo. Gli esiti di tali opposti atteggiamenti sono evidenti anche al meno attento degli osservatori.

Per un business piĂą solido e duraturo

La sostenibilità, infatti, non si limita a strizzare l’occhio all’ambiente, ma garantisce una performance di business decisamente più solida, specialmente se si guarda al lungo periodo. Perché è ormai chiaro che non esiste azienda in grado di fare a meno del contesto in cui opera. L’interconnessione è una cifra distintiva dell’attuale epoca e ogni decisione presa dal singolo (inteso come persona o come azienda) determina conseguenze a livello di sistema.

Ecco il motivo per cui, un approccio sostenibile, oltre a incontrare il favore di una gran parte di consumatori sempre piĂą sensibili a questi temi, si rivela una carta vincente per il proprio business. Vediamo ora, in estrema sintesi, quali possono essere i primi passi per diventare sostenibili.

Le basi del processo: coinvolgimento e comunicazione

Di norma, la scelta spetta al management, ma non esiste azienda sostenibile che possa rinunciare all’apporto di ogni singolo dipendente. La condivisione degli obiettivi, quindi, diventa fondamentale. E in questo processo, la comunicazione riveste un ruolo primario: dipendenti ben informati sono infatti in grado di affrontare e promuovere il cambiamento, sentendosi coinvolti in prima persona nel processo e non vivendo la trasformazione come una decisione calata dall’alto o – peggio – imposta. I dipendenti diventano così i primi «ambasciatori» di questo nuovo modello, contribuendo a diffondere la sensibilità a questi temi su larga scala.

Uffici e sedi, per un approccio green

Guardando al concreto, una delle prime azioni per abbracciare la «rivoluzione green» è quella di provare a misurare il proprio impatto sull’ambiente, in un’ottica di efficientamento energetico. Uffici, magazzini, sedi commerciali e spazi produttivi possono rivelarsi dei preziosissimi alleati quando si tratta di ridurre le emissioni o di provare a incrementare la produzione di energia alternativa. Si pensi all’installazione di pannelli solari o anche solamente a sistemi di illuminazione “green” che garantiscono minori sprechi energetici, riduzione dei consumi e interessanti benefici in termini di detrazioni e bonus.

Digitalizzazione e smartworking

L’approccio «paperless», invece, non può mancare in un’azienda che vuole essere al passo con i tempi. Dimenticate vecchi e polverosi archivi o gli scomodi raccoglitori ad anelli: siamo definitivamente nell’era digitale e una buona memoria hardware può contribuire in maniera decisiva sui vostri consumi di carta e ridurre di conseguenza il vostro impatto sul preoccupante fenomeno della deforestazione. Senza dimenticare la comodità di poter accedere a qualsiasi dato o documento da qualsiasi luogo grazie a una semplice connessione Internet.

In attesa che la mobilità alternativa diventi la norma, anche l’organizzazione del proprio parco mezzi e degli spostamenti casa-lavoro può diventare un’importante leva di cambiamento. Si pensi all’impatto dello smartworking, definitivamente affermatosi in questi anni di pandemia, sul sistema dei trasporti e sul traffico: riorganizzare il lavoro dei propri dipendenti, puntando sul risultato invece che sulla mera presenza in ufficio, può rivelarsi vincente non solo per il proprio business, ma anche per l’ambiente.

Questo argomento ti sembra interessante? Dai un'occhiata ad altri articoli del nostro Journal